fbpx

Nel 2018 lo scoppio della crisi che ha cambiato le vite di migliaia di persone in tutto il mondo. A poco più di 10 anni di distanza, il debito delle famiglie italiane è in crescita, passando dal 39% del Pil al 41% di oggi. Come affrontare il problema dell’indebitamento? Le strategie possono essere diverse.

Clicca qui.

Non se la passa meglio il resto del mondo, il cui debito complessivo è al 59% del Pil, mentre nelle economie sviluppate raggiunge addirittura il 72%. I dati sono stati confermati da un rapporto diffuso da Standard & Poor’s in cui è stata mesa in evidenza la situazione debitoria di stati, famiglie e imprese. Ciò che emerge è che l’economia mondiale non si è ancora ripresa dalla grande crisi di 10 anni fa, anzi è sempre più indebitata. Il debito complessivo dell’economia, 178 mila miliardi di dollari a fine giugno 2018, rappresenta il 234% del Pil, mentre 10 anni fa era al 208%.

Ma perché il debito cresce? Le motivazioni principali sono due. In primo luogo le politiche monetarie delle banche centrali dei Paesi sviluppati che hanno reso sempre più convenienti i prestiti. In secondo luogo la forte crescita del debito societario in Cina, arrivato al 155%, quando 10 anni fa era l 93%.
Ed ecco come simo messi a livello globale in termini di indebitamento: 71mila miliardi di dollari per le aziende con un +51% rispetto al 2008; 62mila miliardi di dollari per gli Stati (+77%) e 45mila miliardi di indebitamento per le famiglie (+22%).

Se analizziamo la situazione italiana, una buona notizia potrebbe essere che il debito delle famiglie è cresciuto meno che negli altri paesi. Resta però l’elevato debito pubblico a pendere sulle teste dei cittadini come una perenne “spada di Damocle”.

Aiutaci ad Aiutarti. Vuoi ricevere una consulenza gratuita? Compila ed invia il modulo. Sarai contattato entro le 24 ore

Leave a Comment

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href=""> <abbr> <acronym> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Richiedi una consulenza gratuita