fbpx

Dal 15 aprile è online la dichiarazione dei redditi precompilata. Un servizio che permette di conoscere la propria situazione reddituale direttamente sul proprio pc o tablet. Nella dichiarazione sono inseriti i dati a disposizione dell’Agenzia delle entrate e quelli inviati da soggetti esterni come studi medici, farmacie, banche, assicurazioni, università. Ma anche quelli spediti dai datori di lavoro tramite le certificazioni uniche. Il 730 potrà poi essere accettato/integrato e inviato direttamente via web a partire dal 2 maggio e fino al 23 luglio.
Una mole di dati enorme sui redditi prodotti dai contribuenti italiani. Si tratta di 960 milioni di dati:

  • il 78% (754 milioni) sono relativi alle spese sanitarie sostenute dai cittadini, comunicati all’Agenzia da farmacie, studi medici, cliniche, ospedali, il 4,7% in più rispetto a quelli trasmessi nel 2018;
  • Al secondo posto i premi assicurativi (92 milioni);
  • Le Certificazioni uniche (61 milioni);
  • I dati relativi a bonifici per ristrutturazioni (16 milioni);
  • Occorrenze relative a ristrutturazioni condominiali (6 milioni);
  • contributi previdenziali (4,6 milioni);
  • spese sanitarie (4,4 milioni);
  • spese universitarie (3,4 milioni);

Una volta entrati nella propria area riservata sarà possibile controllare nel dettaglio tutti i dati e, dal 2 maggio, accettare la dichiarazione così com’è o integrarla/modificarla prima dell’invio. Per queste operazioni resta la possibilità di rivolgersi a un Caf o delegare un professionista.
Dallo scorso 15 aprile la precompilata è disponibile sia per chi presenta il 730 sia per chi presenta Redditi. I dati pre-compilati presenti online superano del +3,8% il totale di quelli caricati nel 2018.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href=""> <abbr> <acronym> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Richiedi una consulenza gratuita