fbpx

In Italia le famiglie sono sempre più indebitate anche se non tutte le aree del paese sono omogenee rispetto al problema. Le statistiche parlano di un debito complessivo che pende sulle famiglie italiani pari a 530 miliardi di euro. Il debito medio, invece, si attesta intorno ai 20 mila euro per nucleo familiare. L’aumento del debito complessivo, con i dati aggiornati al 2018, è stato dell’otto per cento negli ultimi tre anni. In cifre concrete stiamo parlando di una crescita di 40 miliardi di euro. Il motivo? Negli ultimi tre anni la banche hanno erogato più prestiti alle famiglie allargando le maglie delle concessioni.

L’area d’Italia con il maggior tasso di indebitamento familiare è la Lombardia, con a capo la città di Milano. Qui il debito medio a famiglia si attesta intorno ai 30 mila euro. Meno indebitato è il Mezzogiorno, con una media di 9.000 euro a nucleo familiare. Fa eccezione la città di Bolzano dove la media scende a 5 mila euro. Bolzano è in testa alla classifica delle province meno indebitate d’Italia.

Chiaramente, sono in crescita anche quelle famiglie che, per motivi di salute, per la perdita del posto di lavoro o per altri seri motivi, non sono più in grado di ottemperare ai loro debiti. Sempre le statistiche parlano di circa un milione e mezzo di famiglie in Italia compite da questo problema. Quali soluzioni adottare? La soluzione è affidarsi a realtà in grado di affiancare le famiglie e le imprese strette dalla morsa dei debiti.

E’ fondamentale il supporto di professionisti specializzati nel trattamento delle posizioni debitorie, sia sotto il profilo tecnico che sotto quello giuridico. Grazie ad una precisa strategia e ad azioni mirate è possibile affrontare anche casi di indebitamento molto complessi, ottenendo una considerevole riduzione degli importi dovuti mediante una rinegoziazione con i creditori.

Se hai debiti puoi chiedere una consulenza gratuita completando il form in basso:

Leave a Comment

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href=""> <abbr> <acronym> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Richiedi una consulenza gratuita