fbpx

Il nuovo Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza prevede l’istituzione dell’OCRI, l’Osservatorio crisi e risanamento imprese. Il suo compito è ricevere le segnalazioni e gestire la fase di allerta. Si occupa anche del procedimento di composizione assistita della crisi per le imprese diverse dalle imprese minori. L’art. di riferimento è il 16, del d.lgs. 10 gennaio 2019 – Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza.

Gli OCRI si costituiscono nelle Camere di commercio, industria, artigianato ed agricoltura. Il loro compito è ricevere le segnalazioni sulla crisi dell’impresa, gestire la fase di allerta e assistere l’imprenditore. La richiesta di aiuto nel procedimento di composizione assistita della crisi, parte proprio dall’imprenditore. La competenza territoriale dell’OCRI si determina in base alla sede legale dell’impresa.

Ma come è composto l’OCRI? Ha un referente che viene individuato dal legislatore nel segretario della camera di commercio o in un suo delegato. Possiede un ufficio del referente che può essere costituito anche in forma associata da diverse Camere di commercio. E comprende un collegio degli esperti che viene nominato di volta in volta per la trattazione di ogni singolo affare.

Il referente non solo ha il compito di assicurare la tempestività del procedimento, ma deve curare l’esecuzione degli adempimenti amministrativi e vigilare sul rispetto dei termini da parte di tutti i soggetti coinvolti. Con l’obiettivo di assicurare la certezza, la sicurezza e la tempestività delle comunicazioni. Il legislatore impone l’uso della posta elettronica certificata all’ufficio del referente.

Compila ed invia il modulo per una consulenza gratuita entro le 24 ore.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href=""> <abbr> <acronym> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Richiedi una consulenza gratuita